Il nostro sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare consideriamo accettato il loro utilizzo – per maggiori informazioni vai alla pagina Privacy Policy

Progetto "Salviamo le chiocciole d'Italia"

 

Nel regno animale, il phylum dei molluschi è il secondo per dimensioni, dopo quello degli artropodi, con circa 100.000 specie tra varietà fossili (40.000) e viventi (60.000). Le chiocciole fanno parte del gruppo dei gasteropodi polmonati, ovvero i molluschi terrestri, che non hanno branchie, ma una struttura polmonare che ha permesso loro di colonizzare gli ambienti subaerei.

 

Così come tante altre specie animali e vegetali, anche le chiocciole sono state travolte dalle conseguenze delle azioni causate dall'uomo. Le cause di minaccia sono molteplici: l’uso di pesticidi nocivi, l’urbanizzazione dilagante, la regimentazione degli argini, i prelievi idrici incontrollati o l’introduzione di specie aliene sono tutti fattori che insieme hanno provocato la graduale distruzione degli habitat. In alcuni casi, disastri naturali, cambiamenti climatici e prelievi a scopo di collezionismo hanno aggravato ancora di più il quadro generale. 

 

Il Museo di Storia Naturale dell’Università di Firenze "La Specola" con il supporto di Friend of the Earth, ha attivato un progetto di ricerca triennale per lo studio, la protezione e la conservazione di due specie di molluschi endemici della Toscana a rischio e a grave rischio di estinzione: la Melanopsis etrusca e la Xerosecta giustii.

 

La Melanopsis etrusca (Brot, 1862) è un gasteropode acquidulcicolo di dimensioni medio-piccole (circa 12 mm di lunghezza) la cui distribuzione è legata a sorgenti di acque termo-minerali nella sola Maremma Toscana; risultano ancora ignoti alcuni dettagli sul ciclo vitale come il tipo di e riproduzione. Proprio per la peculiarità del suo habitat e per la contrazione dell’areale di distribuzione, questa specie è protetta a livello regionale ed è classificata come “Endangered” dall’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura (IUCN), nonostante anch’essa sia protetta da una specifica normativa promulgata dalla Regione Toscana e che sia indicata come specie target nei piani di azione regionali.

 

 

 

 

La Xerosecta giustii (Manganelli & Favilli, 1996) è un pulmonato terrestre ermafrodita di dimensioni medie, legato a ambienti di gariga e distribuito in una fascia ristretta delle Colline Metallifere grossetane; presenta una conchiglia depressa con un guscio con avvolgimento destrorso, tipico della maggior parte dei gasteropodi. La parte ventrale ha un grosso ombelico, una sorta di cratere creato dall’avvolgimento della spira che si trova nella parte ventrale della conchiglia. La sua distribuzione è limitata ad due aree molto ristrette della Toscana. Data la sua rarità e il limitatissimo habitat in cui vive, la specie è inserita nelle liste IUCN come “Critically Endangered”.

 

 

 

 

 

Il progetto agisce su diversi fronti, da una parte il miglioramento dei siti naturali e dall’altra l’allevamento delle specie ex situ, per il rilascio degli esemplari allevati in natura. Le prime fasi prevedono lo studio genetico delle popolazioni naturali e lo sviluppo delle tecniche di allevamento di entrambe le specie. Sono stati allestiti due allevamenti separati: uno per M. etrusca presso l’Aquarium Mondo Marino di Massa Marittima (GR), e uno per X. giustii presso l’azienda di elicicoltura La lumaca maremmana di Campagnatico (GR). Entrambi i siti sono stati progettati per ricreare gli habitat naturali delle specie, ideale per la loro riproduzione. Il progetto prevede anche attività divulgative ed educative per sensibilizzare il pubblico sull’importanza della protezione della biodiversità.

 

Salviamo le chiocciole d’Italia è un progetto innovativo non solo dal punto di vista scientifico, ma anche perché vede coinvolti contemporaneamente il mondo accademico, le pubbliche amministrazioni - Comune di Campiglia Marittima, Comune di Massa Marittima e Comune di Grosseto – e soggetti privati. Oltre al Museo, Friend of the Earth si è avvalsa del supporto scientifico di esperti internazionali provenienti dall’Università di Rennes (Francia) e dal Canada.

 

La Toscana non è l’unica regione d’Italia a ospitare specie di chiocciole in via di estinzione. Secondo i dati contenuti all’interno delle Liste Rosse dell’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura (IUCN), è noto che sono alcune decine le specie di gasteropodi, meglio noti come chiocciole, a rischio (Endangered) e a grave rischio di estinzione (Critically Endangered), sparse su tutto il territorio italiano.

 

Guarda il video del progetto qui

 

 

 

Friend of the Earth - C.so Buenos Aires 45, 20124 Milano Italy - Tel. +39 0287075166 - Mobile +39 3485650306 - Skype: friend.of.the.earth - Elastico Comunicazione